Il Divisionismo - Pinacoteca

Musei e Luoghi D'arte // Piemonte Alessandria Tortona



“il Divisionismo” Pinacoteca Fondazione C.R. Tortona è uno spazio museale che si propone di documentare una stagione di grande importanza della cultura artistica italiana tra Ottocento e Novecento attraverso la varietà e l’originalità dei linguaggi pittorici utilizzati non solo dai grandi maestri divisionisti, ma da personaggi che hanno dato voce a culture per così dire periferiche per lungo tempo sottovalutate. Il percorso espositivo risulta incentrato intorno al fertile dialogo tra i diversi interpreti, quali Giuseppe Pellizza da Volpedo, di una tecnica audace che ha saputo rappresentare le istanze di un secolo nuovo: dagli artisti socialmente impegnati degli anni novanta dell’Ottocento fino agli approcci empirici in ambito simbolista e ai primi saggi dei protagonisti della rivoluzione futurista per i quali il divisionismo costituiva il linguaggio della modernità.

A capolavori, quali Piazza Caricamento, Il golfo di Genova, Lo sciopero, Mattino in officina, Ulivi ad Albaro di Plinio Nomellini, Mi ricordo quand’ero fanciulla (Entremets) e Incensum Domino! di Angelo Morbelli, Il seminatore e Ultimi pascoli di Carlo Fornara, Ona staderada (La venditrice di frutta) di Emilio Longoni, La raccolta del fieno di Giovanni Segantini, La via del Calvario e Adorazione dei magi di Gaetano Previati, Quando gli uccelletti vanno a dormire di Vittore Grubicy, si legano e si confrontano importanti opere di notevole originalità di firme meno conosciute, come Benvenuto Benvenuti, Galileo Chini, Giuseppe Cominetti, Giovanni Battista Crema, Camillo Innocenti, Giorgio Kienerk, Baldassarre Longoni, Guglielmo Amedeo Lori, Serafino Macchiati, Cesare Maggi, Giuseppe Mentessi, Matteo Olivero, Angelo Torchi, oltre ad alcune testimonianze predivisioniste, comunque pertinenti alle ricerche tecniche e sociali degli artisti che diventarono, pochi anni dopo, importanti interpreti della tecnica divisa come Pellizza, Nomellini e Longoni.

L’allestimento mira ad evidenziare anche le affinità tra le opere delle diverse aree geografiche di diffusione del divisionismo, cercando confronti insoliti, a volte perfino sorprendenti. Ne sono un esempio il rapporto tra Serafino Macchiati e Giacomo Balla durante il breve sodalizio parigino nel 1900 o tra Plinio Nomellini, Giorgio Kienerk e Angelo Torchi uniti nel legame umano ed artistico della “Scuola di Albaro” uno dei momenti più fertili ed innovativi nei primi anni di diffusione in Italia della pittura divisionista tra il 1891 e il 1895. Tra gli esponenti dei diversi divisionismi non va dimenticato il tortonese Angelo Barabino cui è stato attribuito un doveroso omaggio.

Un museo per i giovani.
Le attività didattiche organizzate dalla Pinacoteca rappresentano un’opportunità concreta per avvicinare gli studenti al divisionismo coinvolgendoli nella sperimentazione della tecnica e nell’approfondimento della sua contestualizzazione artistica, storica e letteraria. Dalle scuole dell’infanzia alle secondarie di secondo grado le visite guidate ed i laboratori sono adattabili alle esigenze delle classi e dei loro insegnanti. Vengono anche proposte attività creative per genitori e figli nei fine settimana.

“il Divisionismo” Pinacoteca Fondazione C.R. Tortona
Esposizione permanente
Palazzetto medievale - Corso Leoniero, 2 – angolo Piazza Duomo
15057 Tortona AL

Orari apertura:
il sabato e la domenica dalle 15.00 alle 19.00
Su prenotazione per gruppi o scolaresche anche nei giorni infrasettimanali
Chiusura Natale e Capodanno.
Ingresso gratuito.

Personale in lingua cinese
SI
Internet Wi-fi
SI
Lingue certificate
SI